Non perderti i prossimi post

Se hai trovato degli spunti per vendere più vino, perché non ti iscrivi alla newsletter? Verrai avvisato ogni volta che sul sito verranno pubblicati nuovi contenuti.
Il tuo indirizzo email
I tuoi dati NON verranno mai usati a scopi commerciali.

Se dico TripAdvisor, cosa vi viene in mente?

Se la risposta è: 'una ricetta a base di frattaglie', forse è venuto il momento di occuparsi (o preoccuparsi) della propria reputazione online.

Sì, lo so. Ai poveri gestori di strutture turistiche TripAdvisor si piazza sullo stomaco roba che neanche il lampredotto del ‘peggio’ trippaio di Sant’Ambrogio.

Epperò gestire le recensioni online è un’attività essenziale per migliorare e mantenere alta la reputazione dell’azienda, un fattore cruciale nel processo decisionale dei visitatori.

I numeri di TripAdvisor
0
milioni
di visitatori al mese
0
milioni
di recensioni
0
milioni
di strutture recensite
0
destinazioni

Uno studio del 2013 rivela che il 77% dei turisti consulta TripAdvisor per scegliere un hotel, il 50% per scegliere un ristorante e il 44% per un’attrazione.

Turisti che consultano TripAdvisor
0
%
per scegliere
un hotel
0
%
per scegliere
un ristorante
0
%
per scegliere
un'attrazione

Le aziende vitivinicole che annoverano nella loro offerta servizi di ospitalità e ristorazione non possono pertanto trascurare questo strumento e devono tassativamente prendere in considerazione la gestione della loro reputazione online.

Se usato correttamente, TripAdvisor può rappresentare uno strumento di marketing gratuito che offre:

1
una maggiore visibilità online;

La struttura beneficia del cosiddetto ‘billboard effect‘ (effetto cartellone), ovvero di un incremento nel numero delle prenotazioni o delle visite grazie alla presenza sui portali di viaggio, nella fattispecie TripAdvisor.

2
la possibilità di raggiungere il proprio target;

TripAdvisor si rivolge esattamente al pubblico di maggiore interesse per una cantina, ovvero coloro che sono alla ricerca di informazioni su come trascorrere il tempo libero nella località in cui si trova la struttura.

3
un feed-back reale sui propri servizi;

Sebbene alcune recensioni debbano essere necessariamente prese con un pizzico di buon senso, grazie ad esse è possibile fare sentiment analysis e ricavare ottimi suggerimenti su come migliorare la customer satisfaction.

4
la possibilità di mostrare che all’azienda stanno a cuore i propri clienti;

Secondo uno studio condotto da PhoCusWright nel 2015, l’80% dei turisti che trovano una risposta alle recensioni da parte del management credono che l’hotel abbia più a cuore la propria clientela e il 60% di loro diviene più propenso a prenotare quella struttura piuttosto che un hotel simile che non risponde alle recensioni.

5
l’opportunità di migliorare o consolidare la propria immagine.

Identificando i clienti più soddisfatti è possibile incoraggiarli, di pesona o tramite un’email di follow-up successiva alla visita, a lasciare una recensione  in modo da migliorare il punteggio e il ranking rispetto alle strutture concorrenti.

Dopo tutto TripAdvisor non è poi così indigesto, no?

Related Posts

Che ne dici di lasciare un commento?


Tieniti aggiornato

Se hai trovato degli spunti per vendere più vino, perché non ti iscrivi alla newsletter? Verrai avvisato ogni volta che sul sito verranno pubblicati nuovi contenuti.
Il tuo indirizzo email